Quello che molti non comprendono è che imparare le tecniche di vendita non fa di te un venditore, così come acquistare l’ennesima Katana su Amazon, non fa di te un potente guerriero Ninja. 

Mi capita spesso che professionisti, imprenditori o venditori vengano da me, sperando magari di apprendere tecniche di vendita Ninja-Segrete del tipo: “ipnotizzo il cliente e gli faccio fare ciò che voglio“.

Beh! Chiariamoci. In parte queste tecniche esistono davvero, ma non sono alla portata di tutti e a differenza delle molte pagliacciate che si dicono in giro, ti conviene comprendere quanto prima che la vendita è innanzitutto un percorso interiore profondo e soprattutto che: 

 

“La mancanza di vendite non è il problema, ma è la conseguenza! E’ il conseguimento automatico di un qualcosa che c’è sotto. Di un qualcosa di invisibile.”

 

In che senso?

Sarebbe come dire che hai il problema che ti soffi il naso e tossisci (Brrrrr), ma sai bene che in realtà quelli sono solo gli effetti, sono la conseguenza di un qualcosa di invisibile che sta sotto: i virus dell’influenza.

Allo stesso modo la mancanza di vendite sono solo gli effetti di un qualcosa di invisibile che sta sotto, cioè un asset di valori depositati nel nostro inconscio, o più semplicisticamente parlando, potremmo dire che il nostro inconscio è “programmato” in modo non funzionale alle vendite (deep-set).

Quindi ne va da sé che:

“Se non lavori prima sul tuo asset mentale, se non programmi il tuo inconscio al successo, imparare nuove tecniche di vendita non ti servirà a una mazza!”

 

Si, lo so che forse starai pensando che se non ci sono le vendite è colpa del mercato, dei competitor che hanno prezzi più bassi e brand più famosi, dei clienti che non hanno soldi, della ex amica crisi che ha dato a tutti noi l’opportunità di diventare più forti e di combattere ancor più assiduamente.

Potremmo scrivere ancora pagine e pagine di “cause” esterne e se ti focalizzi su di esse, potrebbero essere anche valide, e se ne parli con convinzione, alla fine finisci per crederci davvero. Allora non perdere tempo e inizia a chiudere da subito la partita iva.

 

UN CONCRETO CAMBIO DI PROSPETTIVA!

Al contrario, chi si gira nella direzione opposta, vede persone che ottengono risultati a prescindere da tutto, a prescindere dalle “tecniche di vendita” utilizzate, che siano ipnotiche oppure no.

Vede persone che navigano nell’abbondanza, che battono record, che trovano soluzioni, che sono felici e gioiose, che hanno sposato e abbracciato dentro di sé la piena responsabilità della propria vita.

 

“Ciò che vedi all’esterno è solo una tua proiezione, uno specchio e un riflesso del tuo mondo interiore!”

 

E qui, non si tratta dell’ultima idiozia new-age tra le tante, bensì stiamo parlando di studi e fondamenti scientifici/neurologici che hanno dimostrato, spiegato e confermato già da anni, quanto ti sto per dire.

Ma non ho scritto questo articolo per “venderti” le mie ragioni, secondo cui una tecnica di vendita in più non ti servirà a nulla. Semmai siamo qui per te, perché il tuo intento deve essere quello di riappropriarti del tuo potere, di scavare a fondo dentro di te, di riprendere il volante della tue vendite e della tua vita!

 

LE LEGGI UNIVERSALI DELLA VENDITA (INCONSCIA)

Così come esistono le leggi esterne della vendita – come le tecniche di vendita, le strategie di contatto, i driver di persuasione, i trigger di chiusura, i “frame” per alzare il valore percepito, gli strumenti non verbali, gli attivatori inconsci, etc. – allo stesso modo, esistono leggi ancor più importanti, ovvero quelle “interiori”.

Esse si occupano di sorreggere qualsiasi “tecnica” esteriore, proprio come le colonne e i pilastri sorreggono un tempio. Ignorando queste leggi interne della vendita, ti ritrovi come un guerriero a cui viene data una Arma Sacra, la spada migliore del mondo, ma non ha l’addestramento ne la forza per poterla utilizzare.

Saresti come il novizio venditore, a cui vengono mostrate alla bella e buona centinaia di tecniche di vendita, per poi essere buttato lì, nella fossa dei leoni, insieme a tutti gli altri.

In entrambi i casi, sarebbe del tutto vano, non trovi? Senza un dovuto allenamento interno ed esterno, con quella spada (tecniche di vendita) potresti solo farti parecchio male.

 

Il peggior venditore del mondo…

In passato sono stato il peggior venditore mai entrato in un azienda, probabilmente il peggior agente mai iscritto all’enasarco.

Sono stato la partita iva più timida mai aperta dalla camera di commercio. Per lungo tempo aprivo l’e-mail e puntualmente inviavo, con una costanza esasperante, i rendiconti provigionali più corti mai visti nella storia delle vendite.

Studiavo “nuove” tecniche di vendita e provavo anche a metterle in pratica. Mi affiancavano ai venditori più bravi, con la speranza che apprendessi qualcosa, e quando provavo a copiare le tecniche e i modi di fare dei miei colleghi, avevo lo stesso effetto sui clienti di un ippopotamo che prova a deliziare con uno spettacolo di danza classica.

 

“Credimi, stavo per mollare tutto. Per tanti anni non mi piacevano I risultati che ottenevo, logorandomi e infuriandomi con me stesso ogni giorno, non mi spiegavo perché non riuscivo a raggiungere ciò che volevo.”

 

Fino a che, dopo l’ennesimo fallimento, schiantanto duramente al tappeto, sono riuscito a riaprire gli occhi. Sono riuscito finalmente a capire che per cambiare i frutti della tua vita, cioè i tuoi risultati, devi cambiare le radici del tuo albero.

Se non ti piacciono i frutti di un albero e vuoi cambiarli, potresti dipingerli, abbellirli, incartarli, infiocchettarli e profumarli (imparando nuove ed inutile tecniche di vendita).. ma quando rinascono, i frutti saranno esattamente come quelli di prima.

L’unico modo per cambiarli realmente e permamentemente, è cambiare le radici dell’albero, cambiare i semi, cambiare cioè quello che non si vede e quello su cui difficilmente va la nostra attenzione. Cambiare una parte profonda di te, capendo con forza che:

 

“Le tue vendite, oggi, sono solo una proiezione di ciò che hai già dentro e la tua vita attuale, per quanto non ti piaccia, è solo un riflesso manifesto del tuo mondo interiore.”

 

Si hai capito bene. Le persone che ti circondano, gli stati d’animo che vivi ogni giorno, i tuoi guadagni mensili, il posto in cui vivi, la tua situazione sentimentale, finanziaria, di benessere, è solo una conseguenza.

Non so come la pensi tu, ma io ho sprecato decenni prima di riuscire a comprendere a buttar giù questa semplice ma potente verità.

 

Lavora sulle radici, ADESSO!

Se miri a intervenire sulla radice, a cambiare il seme, quindi ad agire direttamente sul tuo inconscio, programmando e allineandolo il tuo deep-set  – secondo driver specifici del successo – allora i frutti che otterrai saranno del tutto diversi, saranno come realmente li vuoi.. abbondanti, grandi, colorati e saporiti!

Solo a questo punto, sarai pronto per assimilare nuove tecniche di vendita ipnotica, persuasiva o come ti pare.

So che quello che ti sto dicendo è poco tangibile, ma la parte inconscia di noi gioca un ruolo fondamentale nella nostra vita, perché è quella che ci guida nella direzione voluta. È come un navigatore automatico che pilota la tua auto, e per questo dovresti far sì che vada nella direzione in cui tu vuoi che vada

Infatti, anche se non ce ne rendiamo conto, perché la nostra cultura non ce lo insegna, in realtà viviamo in 4 quadranti contemporaneamente, e il quadrante esteriore (mondo fisico) è solo il risultante degli altri 3 mondi interiori:

 


Viviamo contemporaneamente su un piano spirituale, su un piano emotivo, su un piano mentale e
la conseguenza di questi piani solo la parte che si vede esteriormente: le tue vendite (il piano fisico).

D’altronde di cosa ci stupiamo? Anche la corrente elettrica è invisibile, ma ha degli effetti tangibilissimi, anche la musica è invisibile, ma quando arriva ce ne accorgiamo. Sono gli asset intangibili quelli che fanno la differenza.

Ciò significa che per determinare la qualità del quarto quadrante, devi lavorare all’interno per migliorare i tre quadranti intangibili.

 

PIANO EMOTIVO

Il quadrante emozionale è di fondamentale importanza perché ciò che fai è guidato dalle emozioni. Sono la fonte vitale di energia dentro di te, e non saper gestire le tue emozioni significa non saper gestire la propria vita.

✔️ Hai costantemente un tono emozionale alto, viaggi ad alte frequenze, connesso al tuo Limitless-State? (stato di picco in cui sei connesso e attingi a risorse illimitate).

✔️ Riesci a tenere lo stato emozionale produttivo mentre vendi, dal primo all’ultimo contatto? Riesci a mantenere il tono emozionale alto a prescindere da ciò che accade all’esterno?

✔️ Sei in grado di accedere a livelli di presenza nel qui e ora,  degno di un monaco guerriero?

✔️ Sei in grado di accedere alla trance-agonistica a comando? (il flusso – in inglese: flow) o esperienza ottimale (spesso citato come trance agonistica nel linguaggio sportivo). È uno stato di coscienza in cui la persona è completamente immersa in un’attività e si lascia guidare automaticamente dal proprio inconscio, fidandosi totalmente, senza che intervenga la mente razionale ( o mente critica).

✔️ Come reagisci emotivamente ai colpi e alle difficoltà della vendita, ai rifiuti dei clienti, agli affari sfumati, alle non-performance, alle non-vittorie?

✔️ Come reagisci alle pressioni? Come crei il tuo livello di energia o di stress? Riesci ad attingere alle tue risorse potenzianti anche in momenti critici?

✔️ Riesci a impregnare il tuo inconscio di emozioni positive e rafforzarlo costantemente?

✔️ Riesci a ridurre/ eliminare/ trasformare le emozioni negative e letali? Riesci a canalizzare durante il giorno le energie positive e bloccare quelle inquinanti?

✔️ Sei in grado di decidere che tipo di emozione provare o ti fai trasportare solo dagli eventi?

✔️ Riesci a auto-motivarti costantemente a livelli stellari e a far brillare i tuoi occhi in modo da sprizzare carica ed entusiasmo da tutti i pori?

 

In sostanza devi renderti conto che le tue emozioni o stati non dipendono da cosa ti accade o da quello che fanno gli altri: ogni emozione dipende solo ed esclusivamente da te. In questo spazio, non è ancora il tempo di pensare ad imparare nuove tecniche di vendita.

 

Devi scegliere chi essere, ogni giorno!

Un uomo si sentiva perennemente oppresso dalle difficoltà della vita e se ne lamentò con un famoso maestro spirituale: “Non ce la faccio più! Questa mia vita è insopportabile”.
 
Il maestro prese una manciata di cenere e la lasciò cadere in un bicchiere pieno di limpida acqua da bere che aveva sul tavolo, dicendo: “Queste sono le tue sofferenze” – e tutta l’acqua del bicchiere si intorbidì.
 
Il maestro la buttò via, prese un’altra manciata di cenere, identica alla precedente, la fece vedere all’uomo, poi si affacciò e la buttò nel mare.
 
La cenere si disperse in un attimo e il mare rimase esattamente come prima: “Vedi?” – spiegò il maestro – “ogni giorno devi decidere se essere un bicchiere d’acqua o il mare. Devi decidere se essere piccolo o immenso al tuo interno. Solo tu puoi dare la dimensione al tuo mondo interiore.”

 

 

PIANO MENTALE

La mente è un altro piano su cui viviamo che funge da strumento di raccordo estremamente importante.

La parte razionale infatti è decisiva per l’apprendimento, per la conoscenza, per introiettare una cultura illuminante, per l’elaborazione di strategie e tecniche di vendita efficaci e anticonvenzionali, per la pianificazione di progetti imprenditoriali, per il controllo, per il calcolo dei dati e per una miriade di altre cose.

Ma attenzione! La mente è un mezzo a nostra disposizione potentissimo, che se non usato nel modo giusto, può ritorcere la sua potenza per limitarti, a tua insaputa. Infatti da recenti studi scientifici sul funzionamento della mente si evince che:  il 10% del potenziale è espresso dalla parte razionale (la mente conscia) e il 90% è espresso dalla parte irrazionale.

Ecco perché prima si parlava di trance agonistica. Non è un fatto di credere che sia cosi, è un riscontro sulla conformazione neurologica del cervello.

 

“Quanto sei in grado di controllare e dirigere i tuoi pensieri?”

 

Ogni giorno in media una persona ha dai 15.000 ai 28.000 pensieri!! Se la maggior parte di questi pensieri hanno il segno – (meno) la tua asticella cade verso il basso.

Se la maggior parte di questi pensieri hanno il segno + (sono pensieri di possibilità, pensieri positivi, pensieri di fiducia, di gioia, di gratitudine, di ammirazione, di infinite potenzialità, di risorse positive, discorsi positivi, emozioni positive, persone positive, esempi positivi) allora la tua asticella sale verso l’alto e verso la direzione dei tuoi obiettivi.

Inizi a comprendere adesso quanto le tecniche di vendita possono essere utili oppure no, solo in base a dove hai posto la tua asticella – meno o più – a te la scelta!

Il bello è che non te ne accorgi immediatamente: c’è un tempo di processazione naturale biologica.

 

“Oggi sei il risultato di ciò che hai seminato 3/6 mesi fa.”

 

Oggi stai raccogliendo i frutti delle tue radici e dei semi che hai piantato mesi fa. Quindi distaccati dai risultati, non aver fretta, inizia a connetterti con la fonte e ad iniziare a coltivare il tuo giardino interiore e pensieri potenzianti.

✔️ Sei in grado di discernere quando la mente ti sta frenando e quindi rallentare le sue frequenze?

✔️ Sei in grado si svuotare totalmente la tua mente da ogni pensiero, fino a portarla al punto zero, connettendoti con il tuo centro? Ti connetti con il tuo potenziale infinito, diventando centrato e attivando a pieno il tuo magnetismo.

✔️ Ogni giorno devi piantare il seme del “possibile” nella tua mente. Cioè nutrire e alimentare il pensiero che non hai limiti e che puoi fare qualunque cosa. Che il tuo obiettivo, per quanto grande che sia è possibile. Devi innaffiare per più tempo possibile questo seme e vedrai i suoi frutti che germogliano. Dentro di te ci sono due parti, alla fine vince quella che nutri di più.

✔️ Sei in grado di controllare il tuo chiacchiericcio interiore, e trasformare il tuo “critico interiore” in un “allenatore interiore” o “motivatore interiore”’.

✔️ Hai reso automatiche le abitudini mentali potenti?

✔️ Hai eliminato le abitudini mentali nocive e autodistruttive, trasformando meccanismi di stimolo risposta in leve che fanno schizzare i tuoi risultati.

✔️ Riesci a sorprendere e a spiazzare la mente in modo da tagliare gli schemi, in modo da tagliare i cicli automatici, in modo da rompere gli schemi su cui ti porta automaticamente e che quindi ti fa ottenere gli stessi risultati. Fai costantemente qualcosa che non hai mai fatto, azioni inaspettate e controintuitive.

✔️ Sei in grado di controllare i tuo giudizio e la critica?

✔️ Sei in grado di farti le domande auto-guidanti?

Il punto è che puoi scegliere se usare la mente come strumento incredibile di cui servirti o esserne schiavo, perché lei controlla te.  A te la scelta, e soprattutto la pratica nel farlo!

 

PIANO SPIRITUALE

Il piano spirituale è quello che da il senso a tutti gli altri piani, oltre a determinarli.

È il piano più elevato. La tua connessione a un qualcosa di superiore, la tua missione, il tuo significato profondo, l’essenza dell’evoluzione della tua anima. Spirituale è chi non si accontenta di sopravvivere, ma vuole rendere l’esperienza quotidiana una forma di estasi.

 

“Il Venditore che approda a questo piano è quello che fa realmente la differenza. È colui che ha trovato un universo infinito dentro di sé. È arrivato alla sua verità profonda, insita nel suo spirito.”

 

So che questa parte spirituale all’inizio è incompresa da noi venditori, e probabilmente leggendo queste righe starai pensando che sono un pò suonato. Immagina che io ci ho impiegato 15 anni per iniziare solo a sfiorarla. Ma la parte del lavoro su di te è l’aspetto più prezioso che nessuno ti potrà mai insegnare.

Per troppi anni mi sono concentrato solo sulla parte fisica, ovvero sull’apprendere l’ultima trovata e le nuove “entusiasmanti” tecniche di vendita di ultima generazioni. Ma solo quando ho compreso quest’aspetto intangibile sono poi iniziati ad arrivare incredibili risultati tangibili.

La connessione spirituale è un aspetto che coltivi giorno dopo giorno dentro di te, puoi farlo aiutandoti con degli esercizi e delle routine specifiche, scavando e trovando quella connessione profonda.

Quali sono i risvolti pratici?

 

La breve storia dei 3 scalpellini…

Durante il Medioevo, un pellegrino aveva fatto voto di raggiungere un lontano santuario, come si usava a quei tempi. Dopo alcuni giorni di cammino, si trovò a passare per una stradina che si inerpicava per il fianco desolato di una collina brulla e bruciata dal sole.

Sul sentiero spalancavano la bocca grigia tante cave di pietra. Qua e là degli uomini, degli operai seduti per terra, picconavano grossi frammenti di roccia per ricavare degli squadrati blocchi di pietra da costruzione.

Il pellegrino si avvicinò al primo degli uomini. Lo guardò con compassione. Polvere e sudore lo rendevano irriconoscibile, negli occhi feriti dalla polvere di pietra si leggeva una fatica terribile. Il suo braccio sembrava una cosa unica con il pesante martello che continuava a sollevare e a battere ritmicamente.

“Che cosa fai?”, chiese il pellegrino.

“Non lo vedi?” rispose l’uomo, sgarbato, senza neanche sollevare il capo. “Martello questa pietra e mi sto ammazzando di fatica.”.

Il pellegrino non disse nulla e riprese il cammino. S’imbatté presto in un secondo spaccapietre. Era altrettanto stanco, ferito, impolverato.

“Che cosa fai?”, chiese anche a lui, il pellegrino.

“Non lo vedi? Ora stò costruendo un muro.. e lavoro da mattino a sera per mantenere mia moglie e i miei bambini”, rispose l’uomo.

In silenzio, il pellegrino riprese a camminare. Giunse quasi in cima alla collina. Lì trovò un terzo spaccapietre. Era molto affaticato, come gli altri.

Aveva anche lui una crosta di polvere e sudore sul volto, ma gli occhi feriti dalle schegge di pietra avevano una strana serenità e brillavano intensamente.

“Che cosa fai?”, chiese il pellegrino.

“Guarda”!! rispose l’uomo, sorridendo con fierezza e guardando in alto: le sue parole risuonarono profonde e maestose: “Sto costruendo la più bella Cattedrale mai realizzata! Un luogo sacro che fungerà da connessione tra gli uomini e Dio, un monumento che resterà nella storia riecheggiando nei secoli! “ – E con il braccio indicò la valle dove si stava innalzando una immensa costruzione, ricca di colonne, di archi e di ardite guglie di pietra grigia, puntate verso il cielo.

Chi dei tre pensi che svolga meglio il suo lavoro a fine giornata? 

 

La tua Mission è vendere in modo divino!

Questo spirito di Missione si può applicare a qualunque settore, a prescindere che tu venda scarpe o che tu venda ortaggi, puoi puntare ad essere il miglior venditore di scarpe della nazione proprio perché hai una Missione che “va oltre”. Hai una connessione “spirituale” che ti sorregge e ti da la forza nei momenti difficili, e ti mette le ali nei momenti scorrevoli

Le persone usano i mezzi più svariati per mettersi sulla frequenza di questo piano:

✔️ Autoipnosi.

✔️ Meditazione.

✔️ Preghiera.

✔️ Routine quotidiane.

✔️ Stati di trance.

✔️ Rituali, danze, musica.

✔️ Viaggi sciamanici.

✔️ Discipline di connessione.

 

Non esiste il modo giusto o sbagliato, ma il modo con cui ti senti a tuo agio, deve essere una cosa del tutto naturale che parte da dentro di te.

Ognuno di questi può essere strumento valido per aprire la porta di uno spazio che sfugge in realtà ad ogni possibile descrizione e definizione. O anche senza di questi puoi farlo lo stesso.

 

“Lo Spirito è l’In-formazione per eccellenza, ossia “ciò che sta dentro la forma”, è il suo contenuto, è la forza che dall’interno crea e plasma la realtà per renderla viva, “animata”, vibrante.”

 

Si cerca disperatamente il perché, ma il punto è che non si può comprendere il Piano Spirituale utilizzando gli strumenti propri del Piano MentaleSarebbe come cercare di decifrare il Sanscrito (lingua indeuropea attestata nell’India a partire dal sec. X a.C), usando un dizionario di inglese.

La logica o l’immaginazione ci servono solo fino a un certo punto, poi devono subentrare altri sensi per poter accedere al Piano superiore.

✔️ Ti prendi almeno 30 minuti al giorno da dedicare alla tua connessione spirituale?

✔️ Ti prendi delle ore, dei giorni, per stare solo con te stesso in mezzo alla natura?

✔️ Ti prendi dei momenti da regalare soltanto a te stesso per meditare o per fare un lavoro interiore?

✔️ Ti prendi dei momenti per essere grato e per celebrare le cose positive che hai fatto?

✔️ Ti prendi dei momenti per sviluppare il per-dono (dono per te stesso), per lasciare andare e per azzerare le aspettative?

 

Per imparare una tecnica di vendita, ci vogliono pochi minuti. Per lavorare su di sé e continuare a crescere, ci vuole una vita intera.

 

CONCLUSIONE

Inizia ad essere brutalmente sincero con te stesso. Inizia a scavare dentro di te e a guardarti dentro con una sincerità risoluta e con gli occhi lucidi di un bambino.

Siamo tutti presi dalla frenesia di tutti i giorni. Oggi probabilmente sei preso da scadenze, obiettivi, corse e contro-corse, sempre in velocità e a volte ti trovi a non avere il tempo di fare delle cose fondamentali, come dare rilevanza alla cosa più importante della tua vita: Te stesso!

 

“È sempre come se non avessi il tempo di fermarti a fare benzina, lo so, ma se non lo farai tu, molto presto dovrai fermarti definitivamente, tanto vale decidere ADESSO di prenderti il tempo per diventare migliore.”

 

Il segreto e non correre dietro alle farfalle, bensì devi  “curare il giardino” e diventare un fiore unico, affinché siano loro ad essere attratte e a posarsi su di te. Perché le tue vendite possono crescere solo nella misura in cui cresci tu (interiormente).

Le tue tecniche di vendita miglioreranno solo nella misura in cui migliorerai tu, giorno dopo giorno, a partire da dentro.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.